Nike realizza le scarpe autoallaccianti di “Ritorno al Futuro”!

Nike Hyperadapt 1.0

Un’anteprima delle HyperAdapt 1.0 nei tre colori che saranno disponibili.

Vi ricordate la trilogia di “Ritorno al Futuro“? Domanda dalla risposta a dir poco scontata, dal momento che stiamo parlando di tre cult movie che, nei mitici quanto indimenticabili anni ’80, hanno appassionato un’intera generazione di spettatori. Molti di voi, all’epoca, saranno stati pressappoco adolescenti e magari ancora sorridono ripercorrendo con la mente gli esilaranti viaggi temporali affrontati dal giovane Marty McFly (Michael J. Fox) e dal suo amico, lo stravagante scienziato Emmet “Doc” Brown (Christopher Lloyd), a bordo di una vecchia DeLorean DMC-12 da quest’ultimo trasformata in una fantastica macchina del tempo.

Nel secondo episodio della saga, uscito nelle sale cinematografiche nel 1989, i due protagonisti si ritrovano catapultati nel futuro, un futuro datato 2015, in cui Michael J. Fox si stupisce nel mettere ai piedi delle formidabili Nike che si allacciano automaticamente da sole.

 

Quanto abbiamo fantasticato su come sarebbe realmente stato quel 2015 che, al tempo, ci sembrava ancora così lontano, domandandoci magari se davvero avremmo potuto indossare delle scarpe come quelle. Ebbene, sono trascorsi quasi trent’anni da allora, il 2015 è rapidamente arrivato e con altrettanta rapidità è già anche passato, il futuro che vi abbiamo trovato non è esattamente come descritto nel film o comunque come ce lo eravamo immaginato ma… Quelle scarpe sono diventate davvero reali!

La Nike, infatti, ha finalmente annunciato che realizzerà le “HyperAdapt 1.0” (questo il nome dato alle calzature), con tanto di “autolacci” che funzionano esattamente come visto nel film. Tiffany Beers, Senior Innovator dell’azienda e principale responsabile tecnica del progetto, ne ha spiegato il funzionamento: appena la scarpa viene calzata, il tallone va a colpire un sensore e la scarpa si stringe automaticamente intorno al piede. Su un lato della calzatura sono stati poi predisposti due pulsanti che consentono di “aggiustare” la tensione dei lacci, aumentandola o diminuendola fino a raggiungere quella desiderata. La vera innovazione delle HyperAdapt 1.0, infatti, è quella di avere dei “power laces”, ovvero degli autolacci che, come dice il nome stesso, sono anche “adaptive”, ovvero in grado di adattarsi perfettamente al piede di chi le indossa e alle specifiche esigenze del momento. Infatti, attraverso rapidi micro-aggiustamenti effettuati manualmente mediante i due pulsanti, sarà possibile ottenere al volo una chiusura precisa e del tutto personalizzata della scarpa: in questo modo, non si avranno più né il fastidio dell’eccessiva pressione esercitata sul piede da lacci troppo stretti, né la sensazione di “slittamento” del piede all’interno della scarpa dovuta a lacci troppo lenti.

Le HyperAdapt 1.0 rappresentano soltanto il primo step di un progetto che mira a raggiungere, in futuro, un sistema di allacciatura in cui questa “adattabilità” sia completamente automatizzata, senza più bisogno di pulsanti, in modo tale da ottenere una relazione quasi simbiotica tra il piede e la scarpa. Tinker Hatfield, uno dei principali designer di Nike che ha preso attivamente parte al progetto, ha sottolineato che i vantaggi che ne deriverebbero per gli atleti sono considerevoli: una scarpa che “sente” ciò di cui ha bisogno il piede in un preciso momento (se di un laccio più stretto oppure più lento) e si adatta di conseguenza a questa necessità senza dover intervenire manualmente, non potrebbe che avere delle ripercussioni positive sulla prestazione sportiva dell’atleta.

Tiffany Beers e Tinker Hatfield sono impegnati nel progetto sin dal 2013 ma il primo modello ufficiale a cui è stato applicato questo sistema di allacciatura è stato presentato nel “Back To The Future Day”, il 21 Ottobre 2015, data celebrata in quanto corrispondente a quella in cui Marty McFly e Doc hanno effettuato il loro viaggio nel futuro. Per l’occasione, il primo paio di queste scarpe, battezzate col nome di “Nike Mag“, è stato consegnato proprio a Michael J. Fox ed è stato annunciato che ne sarebbe stata prodotta una serie limitata entro la primavera del 2016, esclusivamente per un’asta di beneficenza a favore della “Michael J. Fox Foundation”, fondazione impegnata nella ricerca contro il morbo di Parkinson, malattia da cui lo stesso attore è affetto ormai da diversi anni.

Le HyperAdapt 1.0 rappresentano una versione tecnologicamente più avanzata rispetto alle Mag e sono rivolte principalmente al mondo degli sportivi; Nike non si è ancora espressa in merito al prezzo, ma dovrebbero essere disponibili in tre diversi colori a partire da Dicembre 2016. Saranno in esclusiva solo per gli utilizzatori dell’app “Nike+”. È possibile diventare membri Nike+ visitando il sito web aziendale (nike.com).

Commenti

commenti

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi