Guarire i tessuti con un solo tocco con la nanotrasfezione

Nanotrasfezione dei tessuti

Guarire la pelle o un altro tessuto con una sola applicazione? Ora si può.

Un dispositivo in grado di curare le ferite con la nanotrasfezione di tessuti come nei migliori kit di pronto soccorso dei cinema di fantascienza? Ormai è realtà. Ci hanno pensato i ricercatori del  Wexner Medical Center alla  Ohio State University , che hanno sviluppato uno strumento in grado di riparare i tessuti con un singolo tocco.

Il dispositivo è dotato di un chip che utilizza una tecnologia chiamata Nanotrasfezione di tessuti (TNT) per inserire del codice genetico nelle cellule della pelle. E’ sufficiente appoggiare il chip sul tessuto perché, grazie ad una piccola corrente elettrica, trasferisca nelle cellule del DNA o dell’RNA in grado di riprogrammarle biologicamente perché si trasformino nel tipo di cellule necessarie per la guarigione.

Il direttore del Centro di Medicina Rigenerativa e Terapie basate sulle Cellule del Wexner, Chandan Sen ha riportato: “Ci vuole solo una frazione di secondo. Basta semplicemente toccare con il chip l’area ferita e poi rimuoverlo. A quel punto la riprogrammazione cellulare comincia.”

Lo studio è stato pubblicato su Nature Nanotechnology, e riporta una serie di test di laboratorio che dimostrano le capacità di questo dispositivo, in grado di restituire ai topi la funzionalità delle zampe seriamente ferite. Le cellule della pelle sono state riprogrammate per diventare cellule vascolari, che nel giro di una settimana hanno cominciato a trasformarsi per diventare vasi sanguigni completamente formati in due settimane. I topi, senza ricevere trattamenti alternativi, sono guariti totalmente in 3 settimane. 

Si tratta di un nuovo approccio alla terapia genetica e alla riprogrammazione cellulare che non è minimamente invasivo, e ha il pregio di funzionare non solo sulla pelle ma su ogni tipo di tessuto. 

Questo tipo di tecnologia ha il pregio di fornire risultati evidenti in pochissimo tempo e di portare ad una guarigione completa e duratura. Ma la riprogrammazione genetica è solo agli inizi e ci aspettiamo soluzioni in grado di ripristinare le funzionalità perdute del nostro corpo senza doverci sottoporre a cicli farmacologici lunghi e non sempre efficaci grazie alla sola esposizione ad apparecchi curativi come questo. Il futuro, come vedete, è già qui.

Commenti

commenti

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi